ARENGUM / Arengo / Renc

assemblea civica partecipativa udinese fondata nel 1340, abolita nel 1513 e rinnovata nel 2015...

“ARENGUM”, in italiano “Arengo” e in friulano “Renc”, non è un'associazione bensì la risorta assemblea popolare udinese, fondata nel 1340 dal patriarca aquileiese Bertrando di Saint Geniès, successivamente abolita, nel 1513, sotto il lgoverno del luogotenente veneziano Andrea Trevisan, erinnovata, infine, nel 2015, su vivo sollecito del movimento culturale del Fogolâr Civic guidato dal prof. Alberto Travain. L'assemblea, attualizzando un antico costume, si riunisce in seduta ordinaria nella giornata oppure a ridosso della ricorrenza di San Michele Arcangelo, 29 settembre, e possono accedervi tutti i cittadini del Comune di Udine iscritti nelle liste elettorali locali, esclusi coloro che ricoprono cariche istituzionali d'elezione o nomina politica, eccezion fatta per Sindaco o suo delegato. I cittadini sono ammessi sino a esaurimento dei posti disponibili in base alla capienza del luogo di riunione e validamente riuniti intervenendo almeno la metà del numero ammissibile, tolta riserva massima senza suffragio del 10% per ospiti e Sindaco o suo delegato, prevedendosi altresì residuale accesso a pubblico uditore. In assemblea, ogni cittadino, nei limiti di legalità e in ossequio alla consuetudine, può direttamente proporre e palesemente votare le più varie istanze inerenti al governo del bene comune nonché candidarsi ed eleggere propri rappresentanti collettivi che seguano liberalmente l'iter dei deliberati presso le Pubbliche Amministrazioni o altri soggetti destinatari. La prima riunione dell'Arengo riformato si è svolta il 29 settembre 2015 presso la Sala dei Ricevimenti nella sede municipale udinese della Loggia del Lionello. A seguire, le tornate ordinarie dell'assemblea si sono tenute sempre nella Sala del Consiglio di Palazzo di Polcenigo Garzolini di Toppo Wassermann, ospiti dell'Ateneo friulano. Solitamente il lavori assembleari sono preceduti da tre fasi di accesso all'aula e iscrizione di proposte all'ordine del giorno: la prima, riservata ai cittadini locali con prenotazione; la seconda, libera, per la restante cittadinanza; la terza, aperta al pubblico uditore più vario. L'apertura dell'assemblea avviene, dal 2015, con ostensione cerimoniale di un'icona del fondatore Patriarca Bertrando. Di seguito, si hanno la tradizionale allocuzione inaugurale, tenuta originariamente dall'esecutivo civico eletto dall'assemblea; l'indirizzo di saluto del Sindaco o di suo delegato, con susseguente insediamento dello stesso alla presidenza onoraria dell'assise in luogo degli antichi Capitano aquileiese e Luogotenente veneziano; la relazione consuntiva delle magistrature assembleari uscenti e il rinnovo delle cariche elettive; infine, la presentazione e la votazione delle proposte civiche iscritte in agenda. Le cariche previste sinora dall'assemblea arengaria, destinate esclusivamente a cittadini udinesi, sono quelle del “CAMERARIUS” o Cameraro / Cjamerâr (presidente popolare), dei due “PROCURATORES” o Procuratori / Procuradôrs (garanti popolari), dei “CANCELLARII” o Cancellieri / Cancelîrs (segretari popolari) e dei “CONSILIARII” o Consiglieri / Conseîrs (delegati popolari), in numero massimo di due per “QUINTERIUS” o Quintiere / Cuintîr, circoscrizione storica aggregante quartieri centrali e periferici, nel quando di una ripartizione rionale attualizzata dall'assemblea come segue. Nuovo QUINTERIUS “AQUILEIA” (Aquileia / Olee) – Parrocchie: S.M. ANNUNZIATA (DUOMO) parz. [Beato Bertrando (Piazzetta); Belloni A. (Piazza); Duomo (Piazza) del; Gorghi (Via) – numeri dispari; Lovaria (Via); Marinelli G. (Via); Patriarcato (Piazza) del; Piave (Via) – numeri pari; Prefettura (Via) della; Rauscedo (Via); San Bartolomeo (Salita); San Francesco d’Assisi (Via); Valentinis (Piazzetta); Vittorio Veneto (Via)]; B.V. CARMINE (B.GO AQUILEIA); B.V. DEL ROSARIO (LAIPACCO); S. PAOLINO; S. PIO X (BALDASSERIA). Nuovo QUINTERIUS “FORUM NOVUM” (Mercatonuovo / Marcjât Gnûf) – Parrocchie: S.M. ANNUNZIATA (DUOMO) parz. [Brovedan (Vicolo); Canciani P. (Via) – parte nord; Carbone (Via) del; Cortazzis (Via); Erbe (Via) delle; Giacomelli (Corte); Lionello N. (Via); Matteotti G. (Piazza); Mercerie (Via); Monte (Via) del; Pelliccerie (Via); Portello (Vicolo) del; Pulesi (Vicolo); Rialto (Via); Sarpi P. (Via); Valvason E. (Via)]; B.V. FATIMA; S. ANDREA (PADERNO); S. ANNA (PAPAROTTI); S. GIACOMO (BEIVARS); S. GIOVANNI BATTISTA (GODIA); S. MARCO (CHIAVRIS); S. MARTINO (CUSSIGNACCO). Nuovo QUINTERIUS “FORUM VETUS” (Mercatovecchio / Marcjât Vieri) – Parrocchie: S.M. ANNUNZIATA (DUOMO) parz. [Libertà (Piazza); Manin D. (Via); Marconi G. (Piazza); Mercatovecchio (Via); Primo Maggio (Piazza) – riva; Castello; Sottomonte (Vicolo); Treppo (Via) – numeri 1-5]; B.V. GRAZIE (B.GO PRACCHIUSO); GESÙ BUON PASTORE; S. CUORE; S. GIOVANNI BOSCO (PLANIS); S. GOTTARDO. Nuovo QUINTERIUS “GLEMONA” (Gemona / Glemone) – Parrocchie: S.M. ANNUNZIATA (DUOMO) parz. [Antonini P. (Largo); Banca (Vicolo) della; Bartolini (Via); Caiselli (Via); Cosattini G. (Via); D’Aronco R. (Via); Deganutti C. (Via) – numeri pari; Florio (Vicolo); Gemona (Via) – numeri 1-7; 2-24; Lenna (Vicolo) di; Marinoni J. (Via) – numeri dispari; Mazzini G. (Via) – numeri pari; Molin Nascosto (Via); Palladio A. (Via); Pecile (Largo) dei; Petracco T. (Via); Portanuova (Via); Rizzani (Via) dei; San Cristoforo (Piazza); Sillio (Vicolo)]; REDENTORE (B.GHI SUPERIORI); S. QUIRINO (B.GO GEMONA); B.V. SALUTE (CORMOR); S. ANTONIO (RIZZI); S. CROMAZIO (V.GGIO DEL SOLE); S. DOMENICO; S. GIUSEPPE; S.M. ASSUNTA. Nuovo QUINTERIUS “GRATIANUM” (Grazzano / Graçan) – Parrocchie: S.M. ANNUNZIATA (DUOMO) parz. [Battisti C. (Via); Beato Odorico da Pordenone (Via); Calzolai (Via) dei; Canciani P. (Via) – parte sud; Cavour (Via); di Prampero A. (Via); Gelso (Via) del; Ginnasio Vecchio (Via); Moro D. (Via); Morpurgo E. (Via); Ospedale Vecchio (Largo); Poscolle (Via) – numeri 1-9; 2-20; Sauro N. (Via); Savorgnan (Corte); Savorgnana (Via); Stringher B. (Via); XX Settembre 1870 (Piazza); Venerio G. (Piazza); Zanon A. (Via)]; S. GIORGIO (B.GO GRAZZANO); S. NICOLÒ (B.GO POSCOLLE); CRISTO (GERVASUTTA); S. OSVALDO; S. ROCCO. Dal 2015, l'annuncio della tornata ordinaria avviene ogni anno solennemente presso il pozzo soprannominato “Lanterna di Diogene”, accanto alla cappella forense di San Giacomo, nell'anniversario di fondazione urbana ovvero “Compleanno della Città” (13 settembre). Le tornate arengarie si sviluppano solitamente lungo l'intero arco della giornata, dal mattino al tardo pomeriggio, con sospensione per pausa pranzo. Il deliberato arengario è poi sottoposto per competenza o per conoscenza all'Amministrazione municipale oltreché ad eventuali destinatari terzi. Le magistrature elette dall'assemblea sono use riunirsi, in corso di mandato, in un libero consesso di coordinamento denominato informalmente 'CONSILIUM'. Quella dell'odierno rinnovato Arengo cittadino udinese è, dunque, una costituzione “in fieri” ovvero “progressiva”, nella forma e negli ideali ispirata certamente alle tradizioni civiche democratiche di sovranità e partecipazione popolari della comunità municipale eppure strettamente forgiata sulle immanenti necessità ed istanze della società civile del presente.

arengumutini.cam@libero.it

© 2021 OpenAgenda - realizzato da OpenContent con OpenPA